logo

“Nulla dies sine linea”
(Plinio il Vecchio)

Scrivimi per conoscere la ricetta per friggere gustose parole croccanti

giulia@calamaifritti.it

Calamaifritti

particolare interno libreria taschen milano

TASCHEN: arte per tutte le tasche(n)

Taschen: una casa editrice che concepisce i suoi store come musei, dove sono i libri le opere d’arte.

Taschen racconta alcuni aspetti della società e del suo tempo focalizzando tutti i suoi sforzi creativi sulla fotografia artistica, la pittura, la moda e il design, la storia della pubblicità, del cinema, e dell’architettura.

18 maggio 2018 – A Milano la Taschen è in via Meravigli 17 ed è una meraviglia! Mi ci ha portato il mio amico Daniele, grafico con la passione per le illustrazioni, e subito mi chiedo “perché mai non ci sono stata prima?”.

Libri importanti che mettono quasi soggezione per la loro maestosità, per i tessuti pregiati che ne ricoprono le copertine, per i colori sgargianti dei titoli da leggere a bassa voce, muovendo solo le labbra, come quando si recita una preghiera. Devozione. Ecco cosa ho provato sfogliando qualcuno dei tomi che gentilmente il personale del negozio mi ha messo a disposizione. Avere tra le mani un’opera d’arte che racchiude la musica, la moda e il design e li racconta riempiendoti in un colpo solo occhi, cuore e mente.

ingresso taschenIn quali formati si esprime Taschen?

Nei suoi store si possono accarezzare sia tomi grandi come tavolini da caffè che libri di media grandezza, fino ai piccoli volumi della collana editoriale Icons, su temi disparati come il nudo maschile e le capitali europee raccontate per immagini.

I prezzi di Taschen?

La prima cosa che viene in mente di fare aprendo uno dei tomi di Taschen, come quello dedicato a Valentino nella sua Limited Collector’s Edition di 2.000 copie al mondo, è di annusare tutto l’amore e la passione che evaporano dalle sue pagine. Sfogliandolo e percependo tra le dita la sostanza del tomo è normale chiedersi poi che valore possa avere un libro/opera del genere.

taschen«1.500 euro», mi informa il dipendente dello store. Incredibilmente penso che sarei disposta a spendere quella cifra per quel libro, ma forse non per una borsa di Valentino. Sarò matta? Sì, pazza per i libri che messi su un pavimento di una stanza vuota la arredano senza dover aggiungere altro. Innamorata della carta che schiocca sotto i polpastrelli quando giri pagina. Inebriata dalle immagini e dalle parole che rendono la carta orgogliosa di farsi portatrice di tutta quella bellezza.

Perché andare in una libreria dove so già  non posso permettermi i suoi libri più belli?

Per lo stesso motivo per cui andiamo in un museo e ammiriamo un’opera d’arte, pur sapendo che non potremo mai averla nel nostro salotto: lasciarsi ispirare, coinvolgere e coccolare dalla cultura.

Buona visita!

No Comments

Post a Comment